Acque pontine

E a un certo punto mi rendo conto di non aver mai dedicato neanche un post ai luoghi che mi hanno portato alla fotografia. Amo così tanto le fotografie di viaggi, lunghi o brevi che siano, che dimentico a volte quanto siano belli i “miei” posti.

Così vi mostro un po’ le acque pontine: tra tante foto, il cuore mi guida verso le più recenti, forse perché ultimamente scatto poco, e allora quei pochi scatti li reputo più preziosi.

Comincio da Fogliano, perché tutto ha avuto inizio dal lago e dai suoi tramonti…

IMG_7094_gimp_small

IMG_0287_gimp2_small

IMG_0417_gimp_2_small   IMG_0443_small

IMG_0406

IMG_0444_gimp_small   IMG_0433_gimp2_smallIMG_6643_small

IMG_1067_small

E continuo con il giardino incantato di Ninfa, e i riflessi della splendida natura nello specchio del suo laghetto: mi piace ogni anno vedere il passaggio delle stagioni nel giardino, e non manco mai di visitarlo in primavera e autunno.

IMG_8679_gimp_small

IMG_0011_gimp   IMG_6142_gimp_signed_small

Non posso che concludere con il mare, e con la maga Circe sullo sfondo…

MamEle03

IMG_7657_gimp_small  IMG_7609_gimp_small

IMG_7615_gimp_small

Annunci

Mater Matuta: suggestioni al femminile

Cosa c’è di più femminile del mito della madre terra?

Cosa c’è di più bello della contemplazione della natura, e cosa c’è di più suggestivo dell’idea di fondersi con essa? Io mi sono lasciata affascinare da tutto questo… e grazie all’associazione culturale “La chimera” dal 20 Maggio al 10 Giugno potete vedere il frutto di questa suggestione. 🙂

Siete tutti invitati a “Mater Matuta: suggestioni al femminile” presso La Scala Rossa della Feltrinelli, Via Diaz 10, Latina. L’inaugurazione il 20 Maggio alle ore 18:00 sarà presente l’artista (me medesima 😀 ) e l’evento sarà accompagnato da una degustazione di vini dell’azienda “Casale del Giglio”.

“Opere che ruotano attorno alla figura una volta dolce e fragile, una volta
forte e ardente di una donna intesa come madre che accoglie, che cresce
e protegge, che dona la vita.
Donna che, come dice la stessa artista, cede le proprie fattezze per poter
dare forma all’anima che abita ogni pezzo di terra.” Francesca Carbone,
critica d’arte.