Goodbye 2013… and c’mon 2014!

IMG_6629_gimp_signed_smallE ben si sa che si tratta solo  di una convenzione, e che le le convenzioni in fondo non significano niente… ma il 2013 sta finendo, e io non riesco a non essere sono felice che se ne vada, augurandomi  tutto il meglio per l’anno che verrà.

Non amo fare liste di buoni propositi, e non sono brava a fare bilanci… ma non posso fare a meno di ripensare ad alcuni momenti dell’anno che se ne va, e non posso fare a meno di ricostruire nella mia mente questi 12 mesi, il tutto ovviamente… “in shots”!

Micro world

Il 2013 è stato l’anno in cui sono diventata sempre più MACRO: sono stata catturata dal fascino del microcosmo fiorito. Vado alla ricerca di sfumature, disegni astratti, e in ogni momento di questo vagare è forte la convinzione che in un fiore si nasconda il segreto della perfezione… 

Self

Self è una parola piccola, e sembra pure egoista; ma è una parola grande per me e per la mia fotografia. A volte mi sembra quasi impossibile distinguere l’autoritratto da tutta la mia ricerca fotografica… Poi incontro i fiori e le loro armonie, incontro i passanti sconosciuti in una città nuova, e la luce che gioca a nascondino ovunque… e capisco che c’è tanto e tanto altro. Ma il posto che ha l’autoritratto nel mio cuore, e nella mia testa, e nel sensore della mia macchina, non ce l’ha nient’altro: mi fa scoprire me stessa, mi svela il mio rapporto con i luoghi e con le sensazioni, quelle che mi sono note ed amo e anche quelle che mi sembrano estranee. E traccia un filo invisibile ma forte tra me e il resto del mondo.  IMG_7045_gimp_signed_small

Viaggiare…


IMG_7634-2_signed_smallViaggi. Punto e basta. Perché per me una causa e insieme una conseguenza meravigliosa del fare fotografie è amare il viaggio, conoscere nuovi posti e nuova gente, osservarli con occhi più attenti. Trovarsi in posti così belli che fare foto diventa una necessità, e allo stesso tempo andare alla ricerca di questi luoghi proprio per portare a casa la foto che si sognava! il 2013 è stato l’anno, finalmente per me, di Parigi. Una città magica, impossibile non amarla, non sentirla subito vicina. La fotografia per me è proprio come Parigi: romantica, ricca di sfumature, all’avanguardia e vintage insieme: potrei fare milioni di foto e non stancarmene mai. 

E per concludere in bellezza, per me il 2013 è l’anno in cui provo a “diventare grande” con il full frame, ben sapendo che non è la macchina a fare il fotografo… ma qualche sfizio bisogna pur toglierselo ogni tanto!

 

E quindi, con in tasca i miei fiori, la mia fotografia allo specchio, la città del cuore e tutti i posti e le persone nel cuore… auguro a tutti un felicissimo 2014!

It is well known that it is just a convention , and conventions don’t mean anything … but 2013 is ending, and I must admit I’m  happy it’s leaving us , and I wish me all the best for the coming on .

I don’t like to make good intentions list , and I’m not so good with the “end of the year evaluation” ,  but my mind is free to recreate the past 12 months… ” in shots” , of course!

Micro-world

2013 has been the year in which I become much more MACRO : I have been captured by the charm of microcosm of flowers., searching for shades, abstract patterns , and in every moment of this wandering I strongly believe that a flower is hiding the secret of perfection …

Self

Self is a little word , but it ‘s a big word for me and my photography . Sometimes it seems impossible to me to see the difference form the selfportrait and all my photographic research … Then I look at the flowers and their harmonies , I look at  people  in a new city , and the light that plays hide and seek everywhere … and I understand that there a lot of things. But nothing can have the importance that the self-portrait has in my heart and in my head, and in the sensor of my camera! Nothing else makes me discover myself ,  nothing can reveal my relationship with the places and the sensations , those that I have known and loved , and even those that seem so unknown . It traces an invisible but strong line between me and the rest of the world.

Travel

Travelling is the cause and the wonderful consequence of photography. New places and new people , watching them with new eyes, being in such beautiful places that make photo become a need, and at the same time searching for the places just to bring home the photo you dreamed ! 2013 was the year of my Paris. It’ s impossible not to love this magical city , do not feel immediately at home. Photography for me is just like Paris: romantic , rich in nuances , avant-garde and vintage at the same time : I could make millions of photos never getting bored.

And at last, for me 2013 is the year when I try to ” grow up ” with a full frame camera, knowing well that it is not the camera to make the photographer … but sometimes gotta give yourself a treat!

And so , with flowers in my pocket , my shots in the mirror , and all the places and people in my heart … I wish you all a very happy 2014 !

Annunci